Quali sono i riferimenti normativi sullo smaltimento imballaggi

Nel 2014 il governo italiano ha varato la prima legge italiana per la “green economy” che mira a promuovere l’economia ecologica con una serie di incentivi e fondi destinati al risparmio e al riciclo delle materie prime e due al corretto smaltimento imballaggi, prevedendo nuove regole per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti e sanzioni severe per chi non rispetta la normativa.

La classifica Europea dei rifiuti

L’Unione Europea classifica i rifiuti secondo un codice di classificazione europea detto CER, acronimo di Catalogo Europeo dei Rifiuti. All’interno di questa classifica vi sono anche gli imballaggi.

Lo smaltimento degli imballaggi costituisce infatti una parte importante delle azioni di riciclo, poiché la quantità prodotta di imballaggi ogni giorno è molto elevata. Una corretta politica di gestione e smaltimento degli imballaggi è importante per raggiungere gli obiettivi della green economy posti dall’Unione Europea e dalla normativa Italiana.

Cosa si intende per imballaggio?

Una direttiva europea del 2004 definisce cosa rientra all’interno della categoria degli imballaggi e i rifiuti di imballaggi. Viene quindi considerato imballaggio qualsiasi prodotto che serve a proteggere determinate merci e assicurarne l’integrità. Ad esempio imballaggi con cui vengono conservati i prodotti alimentari che consumiamo quotidianamente, latte, uova, pasta solo per citare alcuni esempi. Ci sono poi gli imballaggi secondari che raggruppano insieme un certo numero di prodotti già imballati e servono per far si che i prodotti vegano sistemati facilmente negli scaffali dei supermercati o dei negozi. Vi sono in ultimo gli imballaggi di terzo tipo utilizzati per il trasporto delle merci che sono quindi più voluminosi. Barattoli, bottiglie, vasetti di vetro, plastica e tutto ciò che viene utilizzato per conservare un prodotto.

La direttiva europea definisce anche cosa non costituisce imballaggio per esempio le cartucce dei toner, la carta per l’imballaggio o le buste per il trasporto di documenti. La procedura di smaltimento di questi rifiuti dovrà seguire un percorso diverso.

Come avviene il ciclo di raccolta e trasporto degli imballaggi

La normativa in vigore prevede che gli utilizzatori finali degli imballaggi siano responsabili della raccolta e del trasporto di questi rifiuti, i produttori di imballaggi invece dovranno occuparsi del riciclo dei materiali.
Dunque per procedere alla raccolta, prelievo e smaltimento di imballaggi nel modo adeguato occorre rivolgersi ad una azienda specializzata che offra questi servizi in maniera attendibile e in conformità con la legge. In breve gli imballaggi devono essere raccolti e trasportati in appositi centri di riciclo o punti di raccolta diffusi a livello nazionale per essere smaltiti, riciclati e riutilizzati nel ciclo produttivo. Per le imprese industriali, commerciali e artigianali è conveniente ed essenziale contattare una azienda che offra questi servizi.

Riciclo o smaltimento corretto degli inballaggi

Il riciclo o lo smaltimento degli imballaggi costituisce un’attività fondamentale sia dal punto di vista economico che dal punti di vista ambientale. Tutto ciò che ci circonda viene imballato per essere protetto nel percorso dal produttore fino all’utilizzatore finale.

Con l’aumento del trasporto delle merci, il numero di imballaggi è aumentato vertiginosamente. E’ importante quindi che questi materiali siano smaltiti nel modo corretto. Aziende di grandi dimensioni ma anche privati e piccoli commercianti devono assicurarsi un corretto prelievo, raccolta e trasporto di questi rifiuti e affidarsi ad un’azienda che sappia, una volta prelevati gli imballaggi, destinarli ai centri di raccolta e riciclo o a centri per lo smaltimento.

Smaltimento imballaggi costi

Le aziende del settore si occupano di imballaggi di tipo industriale e domestico, offrendo un servizio serio e competente. Per quanto riguarda i costi variano a seconda della quantità di imballaggi da smaltire, del tipo di imballaggio e la loro destinazione finale.

L’azienda assicura un preventivo personalizzato a seconda dell’attività e del volume di imballaggi prodotti.